Le razze feline

Siamese

Articolo inviato da Nadia Turini.
Allevamento "The Dark" - Cecina (LI)

La storia della razza siamese 

SiameseIl paese di origine di questa razza molto antica è il SIAM, cioè l’attuale Thailandia.

Qui viveva esclusivamente nel palazzo del re a Bankok.

Nel 1884 Sir Owen Gould, console d’Inghilterra a Bankok , ottiene la coppia Pho e Mia che porta nel suo paese e di cui sua sorella Valely, si prese cura.

Dall’accoppiamento di Pho e Mia nacquero i primi campioni premiati nel 1885.
Sempre nel 1884 un altro diplomatico Augusta Pavie portò due soggetti da Bankok in Francia. Erano stati regalati al Giardino delle Piante dal Signor Parie, ministro francese in Siam.
Nel 1880 furono introdotti i primi siamesi negli Stati Uniti.

Il primo standard fu stabilito dal GCCF nel 1882. Il primo club di razza: Il Siamese Cat Club, fu creato in Inghilterra nel 1901.
La morfologia attuale di questo gatto è ben lontana dal tipo d’origine, che era più massiccio, più rotondo. Strabismo, coda annodata e anche gli occhi verdi erano ammessi. Da allora la selezione guidata da una certa estetica ha affinato i suoi tratti. La testa che era tondeggiante è diventata uniforme, un perfetto triangolo a partire dal naso alle orecchie, la coda senza nodo quindi più lunga e sottile e lo strabismo è stato in parte eliminato.

Caratteristiche della razza

Quindi in origine il Siamese era un gatto di dimensioni più possenti e rotonde. Con gli anni gli allevatori hanno selezionato un tipo più slanciato, longilineo, elegante dal corpo affusolato e muscoloso. Le zampe lunghe , la coda lunga e sottile a punta, il collo lungo tutto questo contribuisce a dare un aspetto aerodinamico, leggero, elastico.

La testa è quella che ha subito un evoluzione maggiore. Da un profilo tondeggiante siamo passati ad una forma perfettamente triangolare formata dall’allineamento tra la punta del naso e le orecchie che sono larghe alla base e lunghe. Gli occhi sono sempre di forma a mandorla di colore azzurro zaffiro.

Il Siamese è un gatto di taglia media va dai 2,5 kg ai 5 kg. Alla nascita i cuccioli sono tutti bianchi. La colorazione del pelo inizia ad essere evidente dopo cinque giorni di vita e sarà definitiva all’età di 18 mesi circa. Il pelo è più chiaro sul corpo e più scuro alle estremità: orecchie, muso, coda, zampe e questo è dovuto al gene detto: “himalayano“ che agendo sulla produzione di melanina, determina la comparsa di zone più scure nella pigmentazione.

Alcuni esperti dicono che la colorazione più scura delle punte può variare in funzione anche di un tipo di alimentazione di un ambiente molto o poco riscaldato. Unica eccezione è il Siamese bianco che ha un colore uniforme.

Il mantello deve avere: pelo corto fitto aderente al corpo, lucido, segoso, senza sottopelo.
La colorazione delle punte deve essere uniforme e ci deve essere un netto contrasto con il colore del corpo che deve essere più chiaro.

Tutti i Siamesi sono color point, i colori più classici sono:

  • seal point: bruno scuro le punte, corpo color guscio d’uovo e beige chiaro;
  • blue point: punte blu acciaio, corpo bianco ghiaccio, bianco azzurrognolo;
  • chocolate point: punte cioccolato al latte, corpo avorio;
  • lilac point: punte beige rosate, corpo bianco magnolia avorio.

Ci sono anche altri colori come:

  • red point: punte oro rossastro, corpo bianco ombreggiato di albicocca;
  • cream point: punte crema , corpo bianco ombreggiato di crema;
  • tortie point: scaglie di tartaruga, esempio: macchie brune sulle punte, fiamma rossa sulla faccia, fondo bruno chiaro;
  • tabby point: righe che cerchiano le zampe , la coda, la maschera del muso: per esempio il chocolate tabby point in cui le righe sono di colore cioccolato al latte, vedi il colore chocolate point.

Le femmine di questa razza possono avere il primo calore all’età di 5 mesi.

Il Siamese è un gatto freddoloso, ama la vita in appartamento e cerca sempre la zona più calda della casa, infatti è molto sensibile agli sbalzi di temperatura e al freddo.

Carattere

Il Siamese “principe dei gatti “ (F. Mèry) ha un carattere molto forte vivace, focoso estroverso, possessivo, giocherellone, affettuoso e talvolta dolcissimo.

Non ama stare da solo non sopporta l’indifferenza e per questo può deprimersi se lo si trascura. E’ un grande chiacchierone, con i suoi richiami che possono essere di varie modulazioni sa richiamare l’attenzione del suo padrone affinché venga esaudito ogni suo desiderio.

Ama molto il suo padrone e lo segue dappertutto, è molto socievole e comunicativo, vuole le coccole e coglie ogni occasione per averne. Sceglie una persona all’interno del nucleo familiare da amare in modo esclusivo e possessivo e ne può essere anche geloso.

Il Siamese non è adatto a persone poco pazienti o nervose è invece perfetto per chi desidera un vero compagno, attivo, attento,sempre presente e traboccante di affetto.

Torna all'elenco di razze dei gatti