Articoli vari

Il coniglio da compagnia

Articolo inviato da Valentina Vignoli

Origini

Fino a qualche anno fa non esisteva la concezione del coniglio “domestico” ovvero un coniglio da compagnia che potesse essere addomesticato come un cane o un gatto e condividere gli stessi spazi dove le persone vivono la loro quotidianità, cioè la propria casa. Ai tempi dei nostri nonni i conigli erano considerati ed allevati solo “da carne” ossia per mangiare e le loro dimensioni erano notevoli, come ad es. la Californiana. Tutt’oggi il coniglio è presente nelle nostra dieta, ma negli anni si sono ottenute, attraverso vari incroci, delle speciali razze cunicole che hanno dimensioni molto ridotte infatti si definiscono Conigli Nani. Una peculiarità dei conigli Nani è il colore scuro degli occhi che differisce da quello rosso dei conigli da carne come il classico coniglio tutto bianco con gli occhi rossi. Può capitare però che i conigli Nani tutti bianchi abbiano anch’essi gli occhi rossi, ma non è detto, in genere il coniglio Nano ha occhi scuri, neri, nocciola o anche azzurri.
I conigli Nani si suddividono principalmente in tre razze: l’Ariete Nano, il Nano Colorato ed il Nano Testa di Leone. Sia l’Ariete che il Nano Colorato sono razze riconosciute dall’ANCI (Associazione Nazionale Coniglicultori Italiana), invece il Testa di Leone, benché razza ormai diffusa e presente a livello nazionale non è contemplata e viene associata al Nano Colorato nonostante ne differisca molto.
Tutte tre le specie Nane non devono superare il 1,8 Kg massimo di peso da adulti, come da standard stabilito dall’ANCI, altrimenti si passa alla razza media e successivamente a quella gigante.

Alimentazione

In genere i conigli da compagnia si cibano di pellet, fieno e verdura. Non ci dimentichiamo che i conigli sono erbivori ed hanno assolutamente bisogno soprattutto di una dieta vegetariana. Se un negoziante vi dice di non dare mai l’insalata al vostro coniglio non gli date ascolto, rivolgetevi ad un esperto, in questo caso al vostro veterinario di fiducia, meglio se specializzato in animali esotici.
Il coniglio purtroppo è un animale molto delicato sotto questo punto di vista e un’alimentazione sbagliata causa la morte di tre conigli su cinque in seguito ad episodi di diarrea. E’ fondamentale non dare alimenti che contengono cereali non cambiare mai tipo di pellet. Evitate di acquistare pellet sfuso per conigli all’ingrasso, sono alimenti troppo calorici che servono per far ingrassare in maniera vertiginosa i conigli che poi dovranno essere macellati, e che ucciderebbero sicuramente un coniglio nano in pochi giorni. Quando si acquista un coniglio chiedete sempre lo stesso tipo di alimento con cui l’allevatore l’ha svezzato, così da poter continuare la stessa alimentazione e se volete cambiarla non fatelo bruscamente, ma mescolando piano piano il vecchio con il nuovo, in modo da far abituare il tratto gastro-intestinale dell’animale. Introdurre una dieta vegetariana è fondamentale come dicevamo, ma fatelo gradatamente come si fa con una bambino piccolo in fase di svezzamento, a piccole dosi.
Ricordatevi che la polpa della mela non va data più di due tre volte a settimana poiché contiene molti zuccheri che potrebbero portare il coniglio all’obesità, viceversa potete dare la buccia anche una volta la giorno. Evitate biscotti di ogni tipo. Il fieno deve essere sempre presente, invece date solo due cucchiaiate di pellet la mattina e la sera prima di andare a letto. Evitate la verdura bagnata o troppo fredda.
Non acquistate cibi nei supermercati, ma rivolgetevi solo a negozi di animali. Evitate confezioni di cibo che contengo semi, semini, bastoncini rossi, verdi, gialli, ecc… sono deleteri per i conigli, acquistate confezioni di solo pellettato.
Una dieta a base di pellet non è fondamentale come quella vegetariana, potete anche decidere di non dare più il pellet, allora dovrete aumentare le quantità e la varietà di verdura, senza mai togliere il fieno. Ricordate che il coniglio tende a mangiare tutto e subito senza limite, dovrete essere dunque voi a razionalizzare le dosi di alimenti durante l’arco della giornata.
L’acqua deve essere sempre presente, fresca e pulita.

Torna all'elenco degli articoli sugli animali esotici