Veterinario online

Epilessia in un cane boxer

Buonasera sono la proprietaria di un boxer femmina di quasi sette anni e circa 28 kg di peso con problemi di piccolo male (epilessia lieve). Sintomi precisi e cure consigliate? Bettina

Cara Bettina,
l'epilessia è una patologia caratterizzata da una vasta gamma di sintomi, ma la caratteristica principale è la perdita di coscenza, che non equivale a mioclonia associata a copiosa perdita di saliva, ma a un'incapacità di rispondere agli stimoli esterni. Un esempio tipico è la "fly biting syndrome" cioè un atteggiamento caratterizzato dal tentativo di mordere delle mosche immaginarie. Bisogna considerare che a seconda dell'estensione della zona da cui partono gli stimoli epilettogeni a livello della corteccia cerebrale, possiamo avere una sintomatologia più o meno importante ed evidente.

Spesso le crisi sono precedute da una fase preictale e seguite da una postictale, la cui durata può variare da pochi secondi ad alcune ore,mentre la fase ictale vera e propria difficilmente supera il minuto.

Io spesso consiglio, quando vengono portati in visita degli animali con sospetto di epilessia, di effettuare a casa dei filmati delle crisi in modo da fornire un valido supporto diagnostico. Per una corretta diagnosi, sarebbe interessante conoscere da quanto tempo si manifestano i sintomi, con che frequenza e la loro intensità. Un valido aiuto diagnostico è fornito da esami ematici, e di diagnostica avanzata come la risonanza magnetica.

La terapia prevede l'utilizzo di farmaci come il fenobarbitale, il bromuro di potassio, il lovotiracetam, il gabapentin, il felbamato che sono scelti a seconda delle necessità del cane, e che necessitano di monitoraggi frequenti in modo da ottenere una concentrazione ematica ottimale.

Torna all'elenco delle domande e risposte sui cani