Le razze canine

Beagle

Se lo scozzese Collie è diventato famoso grazie alla serie televisiva Lassie, se il pastore Tedesco ha raggiunto e divulgato la sua presenza nel mondo grazie a Rin Tin Tin e al commissario Rex, e se il dalmata ha avuto il suo momento di gloria con la carica dei 101, il Beagle non è da meno. Infatti è il protagonista di un fumetto tra i più antichi, diffusi ed amati al mondo: Snoopy.

Da dove poteva nascere, se non dal Beagle, un personaggio dall'aspetto simpaticissimo, gioviale, vitale e spiritoso, ma allo stesso tempo estremamente caparbio ed intelligente!
Già questa, ancora prima dello standard ufficiale dell'Enci, può essere la sintesi di una descrizione caratteriale del nostro amico Beagle.
Il Beagle oltre ad essere un cane dal bellissimo aspetto, è anche una razza che consente una gestione relativamente semplice; è un cane robusto, non soggetto a particolari patologie dal punto di vista medico, non ha una particolare alimentazione da seguire, non ha problemi di tolettatura ed il pelo non emana fastidiosi odori.

Questa robustezza e resistenza se da una parte ha favorito il beagle permettendogli di raggiungere un elevato grado di evoluzione naturale, lo ha anche danneggiato seriamente, rendendolo ahimè famoso per gli esperimenti di vivisezione sugli animali. Risalgono a qualche anno fa, ma anche al passato più recente, le scandalose notizie di camion pieni di beagle destinati a laboratori. Fortunatamente negli ultimi anni le leggi, l'opinione pubblica, le associazioni ambientaliste, hanno messo in piedi iniziative per la regressione, prevenzione di tali fenomeni, anche attraverso importanti iniziative.

Oltre alle caratteristiche di robustezza e semplicità di gestione anche le altre caratteristiche del beagle stanno contribuendo alla sua continua diffusione. Il beagle racchiude delle peculiarità fondamentali per la convivenza ottimale all'interno di una famiglia. E' una razza dalle dimensioni contenute, con carattere giocoso e gioviale, sguardo dolcissimo e commovente, muso simpatico con occhi languidi ed intelligenti, coda portata allegramente e con stile, fisico compatto e proporzionato facile da tenere in casa. E un cane che sa apprendere e adattarsi magnificamente ovunque, è un cane che abbaia solamente per motivi seri.
Insomma un ottimo compagno per la famiglia, senza considerare l'attitudine con i suoi migliori compagni di gioco: i bambini. Questo è confermato dal fatto che spesso viene consigliato per pet terapy e anche per bambini diversamente abili.

Non dimentichiamoci però che il beagle prima ancora di un ottimo compagno di vita è un segugio e nasce, come molte razze, per esigenze di "lavoro": il lavoro per eccellenza del Beagle è la seguita.

Le caratteristiche venatorie

Oltre ad essere un fantastico cane da compagnia per tutti i giorni, il Beagle è anche uno strepitoso cane da Seguita. In Italia viene utilizzato per la caccia al cinghiale, alla volpe ed alla lepre, rappresentando quest'ultima il ruolo a lui prediletto. La lepre è un animale intelligentissimo, che sa mimetizzarsi in maniera perfetta ed in qualunque ambiente, ha il controllo della situazione e riesce a imbrogliare in modo esemplare i sui inseguitori con le sue perfette tattiche. Il beagle è il cane ideale, ha un fiuto eccezionale e si avvale del solo naso per la scova dell'animale.

La morfologia

Un occhiata generaleBassa statura, proporzioni equilibrate, compatto, vivace e inquieto, tali sono le caratteristiche fondamentali del Beagle, atleta brevilineo, la cui morfologia si iscrive in un quadrato, detto "cob" (dall'inglese "piccolo cavallo"), l'essenziale è che sia corto; tutt'al più, visibilmente tanto lungo quanto alto. La lunghezza del corpo si misura dalla punta della spalla a quella della natica; l'altezza è la distanza dal garrese al suolo. Il Beagle è un compagno domestico affettuoso e generoso. Fin da cucciolo rivela il suo carattere impetuoso e irruento: lo si vedrà, tra gli altri, farsi strada verso l'uscita del canile o reclamare il pasto. Adulto, darà prova di grande coraggio e della sua determinazione anche sul terreno di caccia.

TestaLa testa, nello standard FCI, è la parte del corpo che più lo caratterizza, assume infatti primaria importanza nelle esposizioni di bellezza. La testa del beagle deve apparire sotto ogni profilo squadrata e pulita. Questo si ha quando sia il cranio che la canna nasale sono ben definiti . Anche nella testa sono molto importanti le proporzioni. Prima proporzione importante è l'uguale lunghezza tra la canna nasale ed la lunghezza del cranio, inoltre l'asse della canna deve essere parallela alla linea immaginaria tracciata lungo il cranio. Questo non significa che il cranio debba essere piatto, infatti il cranio ha una leggera bombatura, mai troppo accentuata, che mette anche in risalto lo stacco tra la testa ed il collo. Vista da sopra la larghezza della canna è inferiore, non di troppo, rispetto a quella del cranio, ed anche in questa visuale le linee immaginarie sono parallele.

Altro carattere descritto nello standard è lo stop, ovvero il salto tra il cranio e la canna nasale che deve essere ben evidente, ma non eccessivamente marcato.
Complessivamente si può dire che la testa deve essere decisamente importante, pulita, ma non deve essere pesante o troppo fine.
Difetti tipici della testa sono solitamente la grande differenza tra la larghezza del cranio con quello della canna nasale, il cranio eccessivamente bombato o uno stop esageratamente marcato .
C'è da notare che nello standard Americano è il corpo ed il movimento a prevalere sulla testa. Infatti spesso per noi europei i beagle americani hanno bellissimi fisici ma teste considerate povere.

Tartufo
Il colore deve essere nero, nessuna variazione è ammessa. Il cucciolo nasce con un naso rosa e la pigmentazione avviene nell'arco dei primi mesi di vita. Le narici sono ben aperte consentendo uno sviluppato senso olfattivo, l'umidità del tartufo deve essere costante. Il naso secco è spesso il primo sintomo di un'affezione cronica o acuta.
Nei soggetti Bicolori è ammesso un tartufo più chiaro.

Muso
Costituito dalle ossa del naso e dai mascellari superiori, il muso è diritto nella sua parte superiore e in armonia con il volume della fronte. E' delimitato posteriormente dalla fronte, anteriormente dagli occhi, dalle guance e dal labbro superiore. Sebbene lo standard non fornisca indicazioni sulle sue dimensioni, si può indicare che il doppio della lunghezza del muso è di poco inferiore alla lunghezza della testa. In attenzione la linea della canna nasale è parallela al suolo e alla linea craniale. La larghezza è di 1/3 inferiore a quella del cranio.

Labbra
Le labbra superiori devono ricoprire totalmente quelle inferiori. Dalla pelle del labbro superiore spuntano numerosi peli tattili, queste labbra devono essere dotate di una buona pigmentazione. Le labbra scendendo devono dare la tipica squadratura del muso, mantenendo anche qui una linea orizzontale parallela alla canna nasale.

Orecchie
Le orecchie del Beagle sono dette "a cascata". L'orecchio è situato sulla parte laterale e superiore del cranio, ai due lati della nuca, sul bordo posteriore è presente un lieve diverticolo, costituito da un tegumento sdoppiato. Lo standard ufficiale stabilisce che l'orecchio sia lungo, con l'estremità ben arrotondata e raggiunga la punta del tartufo. L'attaccatura è bassa, non deve superare la linea orizzontale degli occhi. Deve essere portato leggermente in avanti per conferire l'espressione sveglia e intelligente propria del Beagle. Visto in attenzione l'orecchio deve risultare esteso in tutta la sua superficie, rimanendo attaccato alle guance.

Occhi
L'occhio è sferico leggermente schiacciato, con una piccola pupilla nera centrale e un iride marrone scuro. Il Beagle deve avere un occhio dolce ed espressivo, mai triste, spento o duro, non sono ammesse iride chiara o palpebre decolorate. Queste devono essere invece ben pigmentate. Gli occhi danno espressività al beagle, pertanto rivestono un ruolo molto importante nella scelta del soggetto più bello. Difetti tipici degli occhi sono l'occhio infossato, troppo sporgente o rotondo o troppo schiacciato, detto a Cinese.

Petto e Costole
La struttura del Beagle è quella di un "cob". La sua capacità respiratoria dipende dalla struttura stessa del petto o "cassa" e dalla forma delle costole che devono essere robuste e ben arcuate in modo da aumentare il volume della cassa toracica e da permettere ai polmoni e al cuore una certa ampiezza massima di movimento.

I colori
Tutti i colori sono ammessi, eccetto il color fegato. E' ammesso il mantello tricolore a macchie diffuse e bicolore. La qualità del pelo e del sottopelo è molto importante in un cane come il Beagle, che gli consente di esplorare anche i territori più difficili ricchi di rovi o cespugli. Alcuni Beagle, ormai rari, presentano un mantello blu moschettato originario dei "Beagle blu" del Galles. Il pelo prodotto rende la pelle impermeabile: essa è un organo di protezione, di escrezione e sensitivo oltre a essere riserva di sangue, grassi e vitamine.

Altezza
Il nuovo standard parla di un altezza minima di 33 cm e di un altezza massima "desiderabile" di 40 cm. Il termine "desiderabile" ha consentito la diffusione di beagle sempre più alti, fino ad arrivare ad esemplari con un altezza tra i 43-45 cm. L'altezza ideale è di 39/40 cm per i maschi e di 37/38 per le femmine.

La coda
Anche la coda è uno dei caratteri importanti della razza, essa infatti deve sempre avere la punta bianca e deve essere portata alta in fase di lavoro e di attenzione. Questo consente di vedere il beagle anche da distanze elevate e tra i cespugli. La coda deve essere portata il più possibile verticale, e deve essere attaccata alta. Attaccatura alta mette in evidenza anche la parte posteriore delle cosce, accentuandone le curve e la muscolatura. Sono frequenti soggetti in cui l'attaccatura della coda corrisponde alla estremità posteriore del cane.



Torna all'elenco di razze dei cani