Le razze canine

Shiba Inu

Articolo inviato da Cristian Acerbi.

Origini

La Shiba Inu ("cane piccolo" o "cane dei cespugli") è una razza canina proveniente dalle zone montuose del centro del Giappone. Lo Shiba è una delle razze più amate nel Sol Levante. È una razza molto antica derivante forse dal Chow-Chow che probabilmente è stata introdotta in Giappone dalla Cina tra il 6000 a.C. e il 300 a.C.
È stata fin da subito usata nella caccia di uccelli, daini, cervi, e orsi, grazie alla sua ottima costituzione fisica, alle piccole dimensioni, alla resistenza, alla velocità e agilità. Lo Shiba contemporaneo ha origine nell'unione di diverse antiche razze, che pur differenti secondo le regioni, nella taglia, nel colore e nella morfologia sono state raggruppate sotto il nome di Shiba dal Dottor Saito.
Nel 1932 viene fondato in Giappone il "Nihoen Ken Hozonkai" chiamato anche "NIPPO" (Associazione per la conservazione del cane giapponese) che riconoscerà nel 1936 lo Shiba come "Monumento Nazionale", questo poiché durante la seconda guerra mondiale questa razza si era quasi estinta.

Fortunatamente rimasero tre linee di sangue di questa razza che permisero agli allevatori Dott. Masuezo Ozaki, Tatsu Nakajo e Gaiyu Ishikawa di salvare questa bellissima razza. Nasce così lo Shiba moderno. Lo Shiba dopo la seconda guerra mondiale ha avuto una discreta e crescente popolarità. Si è diffuso quasi subito negli Stati Uniti e a seguire in Inghilterra e in Australia, diventando in poco tempo un ottimo cane da compagnia sia in città che in campagna. Attualmente anche in altri paesi come l'Olanda e Germania l'allevamento degli Shiba è discreto, entre in Italia e in Francia è piccolo ma in continua crescita.

Caratteristiche

Lo Shiba è un cane di piccole dimensioni, con un'altezza variabile trai 35-42 cm. Ma non per questo deve essere considerato un cane "debole". Infatti nelle sue piccole dimensioni si nasconde una struttura ossea molto resistente e una muscolatura incredibile, eredità dei suoi antenati cacciatori. La razza, così come oggi noi la conosciamo, é il frutto di una selezione di tutti quelli che erano i piccoli cani Giapponesi provenienti dalle regioni montuose del paese: soggetti forti, temprati a climi difficili, ai rigidi inverni e ciò nonostante amanti della vita all'aria aperta, presenti in molte prefetture come Fukushima, Niigata, Gumma, Yamanashi, Nagano e Gifu.
Gli Shiba, tradizionalmente usati come cani d'affezione, sono però sempre stati apprezzati come ausiliari della caccia, soprattutto in quella ai piccoli cervidi, ma talvolta venivano impiegati (come il più prestante cugino Akita) addirittura per fronteggiare l'orso! Nel loro passato ci sono il San'in, il Mino, e il Shinshu.
Il San'in é a sua volta il discendente di razze ancora più antiche, la Sekishu e la Imba, provenienti dalle province di Shiman e Tottori.

Da quella di Gifu provenivano invece i Mino, mentre dalla provincia di Nagano, e discendenti del Mikawa, provenivano gli Shinku.
Si trattava di cani con differenze anche sensibili: i primi erano per esempio più grandi degli Shiba attuali, i secondi erano sensibilmente più piccoli ed erano caratterizzati dalla Saski-o (coda pendente ).
Il colore preferibile dello Shiba é il rosso, anche se i San'in erano macchiati, con o senza calze bianche. Lo stop è caratteristica dello San'in, le orecchie e gli occhi del Mino.
Il colore preferibile dello Shiba é il rosso, anche se i SAN'IN erano macchiati, con o senza calze bianche. Lo stop è caratteristica dello SAN'IN, le orecchie e gli occhi del MINO. I colori principali dello Shiba sono: Rosso (Aka-Inu), il Sesamo (Aka-goma), il Nero-Rosso, che prevede macchie Bianche sui piedi, sul torace, sulla coda, il Nero e il Nero-Sesamo, ottenuto dalla mescolanza di Rosso, Bianco e Nero (Kuro-goma). Il meno amato e il meno apprezzato a livello espositivo ma comunque ammesso é il Bianco.
Complessivamente questi cani devono avere le sembianze di una volpe.

Carattere

Anche se siamo dell'idea che ogni cane ha il suo personale carattere, oltre che dovuto al DNA e alle caratteristiche proprie della razza, condizionato anche dal modo in cui lo abitueremo, aiutandoci con le nostre esperienze e quelle altrui vi illustreremo complessivamente le principali caratteristiche caratteriali di questo magnifico cane. Lo Shiba Inu, anche detto Piccolo Samurai a 4 zampe, è estremamente fedele al suo padrone, fiero, coraggioso, pieno di energie e pronto a divertirsi, ma contemporaneamente orgoglioso e testardo. È un cane molto paziente, che vi riempirà dello stesso travolgente affetto sia se vi assentate da lui per pochi attimi sia che lo facciate per lunghi periodi.

Altra peculiarità dello Shiba, sicuramente non comune, è la sua innata attitudine alla pulizia. Sin da molto piccolo si dimostra particolarmente incline a non sporcare nel luogo in cui dimora. Basterà consentirgli un numero sufficiente di uscite all'aperto nell'arco della giornata (almeno due da adulto) affinchè il cucciolo non sporchi più in luoghi indesiderati, risolvendo così l'inevitabile problema di chi condivide l'appartamento con un cane.

Ha un senso della proprietà molto sviluppato, sa benissimo cosa è vostro e cosa è suo. Le cose che adora di più sono correre e muoversi. Se glielo permetterete è sua abitudine correre per casa con una pallina in bocca (solitamente il suo giocattolo preferito), ad alcuni piace riportarvela per farsela lanciare, altri preferiscono tenerla nascosta, farvela desiderare e sfoggiarla quando è il momento di farvi le feste. Ha un modo molto particolare di farvi le feste: arriverà da voi abbassando le orecchie, scodinzolando e sfoggiando quella specie di sorriso che solo loro sanno fare. Pur essendo un cane così attivo non è affatto rumoroso e fastidioso, infatti abbaia solo in caso di necessità, quindi si adatta bene anche a vivere in condominio senza creare problemi con vicini "fastidiosi".

Solitamente è un cane molto festoso con gli estranei anche se, furbo e sempre attento al pericolo, può diventare diffidente. E' un cane abbastanza litigioso nei confronti degli altri cani, soprattutto dello stesso sesso, e quando è in compagnia di altri animali in casa tende a far valere le regole del branco. Ciò non toglie che esistono anche soggetti in grado di convivere tranquillamente con altri animali quali gatti o conigli. E' in grado di stare da solo per via della sua indipendenza ma adora la compagnia del padrone, se potesse vi starebbe sempre accanto. In virtù della sua caparbietà e intraprendenza metterà più volte alla prova la nostra pazienza. Dovremo fargli capire che siamo noi a comandare, abituandolo alle situazioni non gradite, in modo graduale ma costante. Per educarlo al meglio, come tutti i cani, è bene premiarlo quando esegue un'azione positiva o obbedisce a un comando e sgridarlo quando sbaglia. Non dimentichiamo che, a dimostrazione della sua addestrabilità, nei paesi in cui è più diffuso viene spesso utilizzato nelle prove di Agility Dog. E' fondamentale ogni giorno dedicare un pò di tempo al nostro amico a quattro zampe, anche perchè riceveremo da lui molto di più di quanto gli daremo.



Torna all'elenco di razze dei cani